Gennaio

Giuliana Campisi

Muta la voce del vento
mentre impallidiscono le foglie
e lievi si depositano tremando
sulla terra fredda
Guizza tra i rami la ghiandaia azzurra
come un pesce tra le onde
chiede riparo dall’algido inverno
Ed è tutto un fremito di nubi
nel cielo opaco, nel cuore che gela
per l’assenza di luce, di mani calde
riscaldate al fuoco dei camini,
profumate di legna secca, di resina
che si attacca alle dita come colla,
di mele mature, rosse e succose,
arance profumate a ricordare
il sole dell’estate che arriverà,
prima o poi.

Giuliana Campisi 2019

View original post

2 pensieri riguardo “Gennaio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...