questo mare stupisce

almerighi

Questo mare stupisce, certo,
arrossisce di vergogna e umanità:
gli sbarazzi lo uccideranno.
Posso immaginare toccando.
Il mare è quel che sento, tutto
quanto contiene, relitti, piante,
bottiglie di memoria, è vivo.
La mia mano uscirà ferita.
La ferita è rossa e butta,
molti dettagli la rendono atroce.
I capelli timidi e senza recapito,
inafferrabili anche volendo essere.
Il mare se li è presi, portati.
Qualcuno li ha raccolti, e chiede.
La questua continua dei notiziari,
ma non è chiaro chi sia vittima.
Il carnefice, assiduo arrotino,
incessantemente di passaggio,
pronto si annuncia
e la strada ride di lui.
Malgrado l’idiozia del tramonto,
sarò onesto, rubo un morso
e ogni giorno è forte
il desiderio di andare a capo.
Sei stata ragazza anche tu,
sai bene di cosa parlo, conosci
ogni ferita legata alle mani.
Un passeggio in riva al mare
rimane aperto. La tua spiaggia
non sarà mai deserta.

View original post

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...