Relatività interiore del tempo

Pensieri diretti

Scandisco interiormente – come tutti immagino – il tempo.
Ciò avviene automaticamente.

Questa scansione usa un mio “orologio biologico interno”.

Percepisco singoli momenti o periodi più o meno brevi in modo irregolare.

Ho un tempo interiore quindi non costante.
Con sue accelerazioni e rallentamenti.
Con momenti “surgelati” ed immortali. Alcuni che poi diventano indelebili.
Con periodi scavalcati, dimenticati, inosservati. Non vissuti.

Perché accade questa scansione interiore irregolare?

Perché, mentre i miei neuroni sono impegnati in una esperienza nuova, intrigante, emozionante hanno meno risorse per percepire lo scorrere del tempo.

Ma anche perché se i miei neuroni stanno pensando ad altro o mettono il “pilota automatico” non vivo quanto accade. E in questo caso il tempo – e la vita – scivolano via.

Quindi questa percezione è irregolare perché condizionata dall’attenzione, dalla presenza, dalla consapevolezza.

Quindi è pilotabile.

Una vita piena dura di più?
Sottoposto a continue esperienze mi sentirò vivere…

View original post 50 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...