maestri nell’arte del pensare contro se stessi

Nosce Sauton

“Maestri nell’arte del pensare contro se stessi, Nietzsche, Baudelaire e Dostoevskij ci hanno insegnato a puntare sui nostri pericoli, ad ampliare la sfera dei nostri mali, ad acquistare esistenza separandoci dal nostro essere.
E ciò che per il grande cinese era simbolo di decadimento, esercizio di imperfezione, per noi costituisce l’unica modalità di possederci, di entrare in contatto con noi stessi.

«L’uomo non ami nulla e sarà invulnerabile» (Zhuang-zi). Massima profonda quanto inoperante. Come giungere all’apogeo dell’indifferenza, quando la nostra stessa apatia è tensione, conflitto, aggressività?”

Emil Cioran, “La tentazione di esistere”.

immagine: “The Self Destructive Hand” di Adriaan Van Stenis.

View original post

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...