La musica

marcellocomitini

Edward Boubat, Rèmi ecoutant la mer

La musica zampilla limpida
dalla pietra sacra dell’essere
scende s’innalza con sussurri e fremiti
lungo i fianchi grevi della memoria.
Svela
senza passare per gli occhi
l’esatta geografia delle parole
le libera nell’ascolto
ne fa pura essenza
le inietta nell’azzurro vena dopo vena.
Come etere profondo
si spande lungo il corpo
lo dissolve nei margini fugaci
tra tempo e eternità.
Offre in dono alla mente
i turbamenti dell’anima,
i colori che sgorgano
tra buio e ricadute
di un canto ripetuto a bocca chiusa.
Svela
dove si accumulano
le ombre della mortalità
come fa il vento senza
che la carne si sfaldi
tra le dita del tempo.

Vaga nello spazio
si lacera a richiami non umani
di paure e di incubi
si riforma in luminosa essenza.
Si fa lieve
come nuvola nell’aria.
Svanisce.

Torna a illuminarci, lei consolatrice.
Lei pensoso incanto.

View original post

Pubblicato da Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

2 pensieri riguardo “La musica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: